fratemobile.net

Il blog di Padre Beppe Giunti, una piazzetta dove trovarsi a chiacchierare della vita

fratemobile.net header image 1

OMELIA DELLA PENTECOSTE 2019. CHAMPORCHER CON BATTESIMO

9 Giugno 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Giovanni 14,15-16.23b-26
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: “Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; e anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio. Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà”.

omelia-pentecoste-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

EMOZIONE. SORPRESA. GRATITUDINE

5 Giugno 2019 · Nessun Commento

Ieri sera alle 18 presentazione del libro Padre nostro che sei in galera alla Società di Letture e Conversazioni Scientifiche, a Palazzo Ducale di Genova. Non so da chi cominciare per gratitudine: la direttrice di Marassi Maria Milano? O Mimmo Schinaia e sua moglie? Le ragazze della Coompany Francesca ed Emanuela? O i Fratelli Briganti che sono in realtà i fornitori del materiale prezioso e autentico di questa pubblicazione e delle discussioni che suscita? Beh, grazie a tutti.

→ Nessun CommentoTags: Nessuna categoria

OMELIA DELLA SOLENNITA’ DELL’ASCENSIONE. 2019. RITIRO A PETIT ROSIER SULLA PERFETTA LETIZIA

2 Giugno 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca 24,46-53
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni. Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto». Poi li condusse fuori verso Betània e, alzate le mani, li benedisse. Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo. Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia e stavano sempre nel tempio lodando Dio.

omelia-ascensione-20191

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA VI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO 2019

26 Maggio 2019 · Nessun Commento

Dagli Atti degli Apostoli, 15, 1s; 22-29

In quei giorni, alcuni, venuti dalla Giudea, insegnavano ai fratelli: «Se non vi fate circoncidere secondo l’usanza di Mosè, non potete essere salvati».
Poiché Paolo e Bàrnaba dissentivano e discutevano animatamente contro costoro, fu stabilito che Paolo e Bàrnaba e alcuni altri di loro salissero a Gerusalemme dagli apostoli e dagli anziani per tale questione.
Agli apostoli e agli anziani, con tutta la Chiesa, parve bene allora di scegliere alcuni di loro e di inviarli ad Antiòchia insieme a Paolo e Bàrnaba: Giuda, chiamato Barsabba, e Sila, uomini di grande autorità tra i fratelli. E inviarono tramite loro questo scritto: «Gli apostoli e gli anziani, vostri fratelli, ai fratelli di Antiòchia, di Siria e di Cilìcia, che provengono dai pagani, salute! Abbiamo saputo che alcuni di noi, ai quali non avevamo dato nessun incarico, sono venuti a turbarvi con discorsi che hanno sconvolto i vostri animi. Ci è parso bene perciò, tutti d’accordo, di scegliere alcune persone e inviarle a voi insieme ai nostri carissimi Bàrnaba e Paolo, uomini che hanno rischiato la loro vita per il nome del nostro Signore Gesù Cristo. Abbiamo dunque mandato Giuda e Sila, che vi riferiranno anch’essi, a voce, queste stesse cose. È parso bene, infatti, allo Spirito Santo e a noi, di non imporvi altro obbligo al di fuori di queste cose necessarie: astenersi dalle carni offerte agl’idoli, dal sangue, dagli animali soffocati e dalle unioni illegittime. Farete cosa buona a stare lontani da queste cose. State bene!».

Dal libro dell’Apocalisse di san Giovanni apostolo 21, 10-14; 22s

L’angelo mi trasportò in spirito su di un monte grande e alto, e mi mostrò la città santa, Gerusalemme, che scende dal cielo, da Dio, risplendente della gloria di Dio. Il suo splendore è simile a quello di una gemma preziosissima, come pietra di diaspro cristallino.
È cinta da grandi e alte mura con dodici porte: sopra queste porte stanno dodici angeli e nomi scritti, i nomi delle dodici tribù dei figli d’Israele. A oriente tre porte, a settentrione tre porte, a mezzogiorno tre porte e a occidente tre porte.
Le mura della città poggiano su dodici basamenti, sopra i quali sono i dodici nomi dei dodici apostoli dell’Agnello.
In essa non vidi alcun tempio:
il Signore Dio, l’Onnipotente, e l’Agnello
sono il suo tempio.
La città non ha bisogno della luce del sole,
né della luce della luna:
la gloria di Dio la illumina
e la sua lampada è l’Agnello.

Dal Vangelo secondo Giovanni 14, 23-29

In quel tempo, Gesù disse [ai suoi discepoli]:
«Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.
Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto.
Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore.
Avete udito che vi ho detto: “Vado e tornerò da voi”. Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l’ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate».

omelia-vi-domenica-tempo-pasquale-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA V DOMENICA DEL TEMPO PASQUALE 2019

18 Maggio 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Giovanni 13, 31-35

Quando Giuda fu uscito [dal cenacolo], Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito.
Figlioli, ancora per poco sono con voi. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri.
Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri».

omelia-v-domenica-tempo-pasquale-20191

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

LA SICUREZZA SECONDO GESU’. OMELIA DELLA IV DOMENICA DEL TEMPO DI PASQUA 2019

12 Maggio 2019 · Nessun Commento

Dio onnipotente e misericordioso,
guidaci al possesso della gioia eterna,
perché l’umile gregge dei tuoi fedeli
giunga con sicurezza accanto a te,
dove lo ha preceduto il Cristo, suo pastore.

Vangelo secondo Giovanni 10, 27-30
In quel tempo, Gesù disse: «Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono.
Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano.
Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola».

omelia-iv-domenica-tempo-pasquale-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

VENERDI CUPRAMONTANA, SABATO BINARIA A TORINO

12 Maggio 2019 · Nessun Commento

Due appuntamenti lontani kilometri, ma vicinissimi per cuore, curiosità, pensiero in circolo. Grazie Antonio Mancini, che restituisce alla società con gesti spontanei e cordiali un po’ di bene, di solidarietà, di civiltà. Grazie a Mecu, don Ricca, e a Domenico Arena per la loro prestigiosa presenza, per la competenza, per l’umanità. Grazie.

→ Nessun CommentoTags: LETTURE CHE CI CONSIGLIAMO · PIAZZETTA DELLE CHIACCHIERE

DAVVERO UNA SERATA SPECIALE. A TORTONA

4 Maggio 2019 · Nessun Commento

E’ stata una presentazione del libro Padre nostro che sei in galera diversa dal solito quella che ieri sera si è  svolta a Tortona, nel salone della conferenze del Seminario. Gente in piedi, un gruppo di studenti del Liceo locale, la cooperativa Coompany: insomma una platea molto ma molto tosta! Grazie, ancora una volta abbiamo messo i n circolo il pensiero!

→ Nessun CommentoTags: LETTURE CHE CI CONSIGLIAMO · PIAZZETTA DELLE CHIACCHIERE

OMELIA DELLA III DOMENICA DI PASQUA 2019

4 Maggio 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Giovanni  21,1-19

Dopo questi fatti, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberìade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Dìdimo, Natanaele di Cana di Galilea, i figli di Zebedeo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: «Io vado a pescare». Gli dissero: «Veniamo anche noi con te». Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla.

Quando già era l’alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora egli disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: «È il Signore!». Simon Pietro, appena udì che era il Signore, si strinse la veste attorno ai fianchi, perché era svestito, e si gettò in mare. Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: non erano infatti lontani da terra se non un centinaio di metri.

Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane. Disse loro Gesù: «Portate un po’ del pesce che avete preso ora». Allora Simon Pietro salì nella barca e trasse a terra la rete piena di centocinquantatré grossi pesci. E benché fossero tanti, la rete non si squarciò. Gesù disse loro: «Venite a mangiare». E nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», perché sapevano bene che era il Signore. Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro, e così pure il pesce. Era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risorto dai morti.

Quand’ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci i miei agnelli». Gli disse di nuovo, per la seconda volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pascola le mie pecore». Gli disse per la terza volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse: «Mi vuoi bene?», e gli disse: «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecore. In verità, in verità io ti dico: quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi». Questo disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E, detto questo, aggiunse: «Seguimi».

omelia-iii-domenica-pasqua-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA II DOMENICA DI PASQUA 2019

29 Aprile 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Giovanni 20,19-31

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore.
Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».
Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».
Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

omelia-ii-domenica-pasqua-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

SENZA MEMORIA NON SI CRESCE. SENZA RADICI UN ALBERO MUORE

24 Aprile 2019 · Nessun Commento

DALLA CRONACA DEL CONVENTO DI SUSA, DICEMBRE 1944/APRILE 1945

• “25 dicembre 1944. I Tedeschi occupano il nostro salone-museo (attuale Cappella,) e i loro

Cappellani Protestanti approntano l’occorrente per celebrare la Nascita del Signore.

Gennaio 1945. Il Comando di Resistenza Partigiano operante in Valle, guidato dal Comandante

Aldo Laghi (Giulio Bolaffi di Torino) chiede di installarsi in convento, che pare un luogo abbastanza

sicuro. Occupano alcune stanze già usate per il Noviziato. Il Comandante Laghi, di religione ebraica,

degnissima persona, in taluni momenti per meglio mimetizzarsi indossa la nostra tonaca: molto

affabile. Tutti ci rendiamo conto dei gravi rischi che corriamo…

Primavera 1945. Alcuni chierici professi - i più affidabili - sono molto impegnati nell’attività di

segreteria del Comando Partigiano. Si stampano col ciclostile (nottetempo) comunicati alla

popolazione, volantini, proclami. L’entusiasmo creato dal desiderio di libertà è esaltante e talora ci

rende alquanto temerari.

25 aprile 1945. Dopo alcuni giorni quasi nebbiosi, segnati da una leggera e insistente pioggerella,

oggi è il trionfo di sole primaverile: anche la natura canta la LIBERAZIONE. Il convento partecipa

all’esaltazione collettiva con il suono a distesa delle campane. Il nostro contadino Basilio Zarpellon,

con un coraggio superiore alle sue forze, issa il tricolore sulla cuspide del campanile. P. Carlo

Cavallero, 30 anni e P. Romolo Ravaschio, 28 anni, con il Comandante Laghi sfilano per le vie di

Susa seguiti da una fiumana di partigiani scesi dalle montagne.

E la città scopre con sorpresa, il ruolo svolto dal convento nella vicenda della liberazione.”

→ Nessun CommentoTags: Nessuna categoria

LA CIVILTA’ CATTOLICA. RECENSIONE DEL LIBRO “PADRE NOSTRO CHE SEI IN GALERA”

22 Aprile 2019 · Nessun Commento

https://www.laciviltacattolica.it/articolo/padre-nostro-che-sei-in-galera/

Buona lettura!

→ Nessun CommentoTags: LETTURE CHE CI CONSIGLIAMO

OMELIA DELLA DOMENICA DI PASQUA. 2019

21 Aprile 2019 · Nessun Commento

Vangelo Lc 24,13-35

Ed ecco, in quello stesso giorno, [ il primo della setti­mana, ] due [ dei discepoli ] erano in cammino per un villaggio di nome Èmmaus, distante circa undici chilo­metri da Gerusalemme, e conversavano tra loro di tutto quello che era accaduto. Mentre conversavano e discutevano insieme, Gesù in persona si avvicinò e camminava con loro. Ma i loro occhi erano impediti a riconoscerlo.

Ed egli disse loro: «Che cosa sono questi discorsi che state facendo tra voi lungo il cammino?». Si fermarono, col volto triste; uno di loro, di nome Clèopa, gli ri­spose: «Solo tu sei forestiero a Gerusalemme! Non sai ciò che vi è accaduto in questi giorni?». Domandò loro: «Che cosa?». Gli risposero: «Ciò che riguarda Gesù, il Nazareno, che fu profeta potente in opere e in pa­role, davanti a Dio e a tutto il popolo; come i capi dei sacerdoti e le nostre autorità lo hanno consegnato per farlo condannare a morte e lo hanno crocifisso. Noi speravamo che egli fosse colui che avrebbe liberato Israele; con tutto ciò, sono passati tre giorni da quando queste cose sono accadute. Ma alcune donne, delle nostre, ci hanno sconvolti; si sono recate al mattino alla tomba e, non avendo trovato il suo corpo, sono venute a dirci di aver avuto anche una visione di angeli, i quali affermano che egli è vivo. Alcuni dei nostri sono andati alla tomba e hanno trovato come avevano detto le donne, ma lui non l’hanno visto».

Disse loro: «Stolti e lenti di cuore a credere in tutto ciò che hanno detto i profeti! Non bisognava che il Cristo patisse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?». E, cominciando da Mosè e da tutti i profeti, spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui.
Quando furono vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano. Ma essi insistettero: «Resta con noi, perché si fa sera e il giorno è ormai al tramonto». Egli entrò per rimanere con loro.

Quando fu a tavola con loro, prese il pane, recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma egli sparì dalla loro vista. Ed essi dissero l’un l’altro: «Non ardeva forse in noi il nostro cuore mentre egli conversava con noi lungo la via, quando ci spiegava le Scritture?».
Partirono senza indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, i quali dicevano: «Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone!». Ed essi narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l’avevano riconosciuto nello spezzare il pane.

omelia-pasqua-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DEL GIOVEDI SANTO 2019

18 Aprile 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Giovanni 13,1-15
Prima della festa di Pasqua, Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine. Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradirlo, Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, si alzò da tavola, depose le vesti, prese un asciugamano e se lo cinse attorno alla vita. Poi versò dell’acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l’asciugamano di cui si era cinto. Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: «Signore, tu lavi i piedi a me?». Rispose Gesù: «Quello che io faccio, tu ora non lo capisci; lo capirai dopo». Gli disse Pietro: «Tu non mi laverai i piedi in eterno!». Gli rispose Gesù: «Se non ti laverò, non avrai parte con me». Gli disse Simon Pietro: «Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mani e il capo!». Soggiunse Gesù: «Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto puro; e voi siete puri, ma non tutti». Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: «Non tutti siete puri». Quando ebbe lavato loro i piedi, riprese le sue vesti, sedette di nuovo e disse loro: «Capite quello che ho fatto per voi? Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi».

omelia-giovedi-santo-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

CINQUEPERMILLE!

15 Aprile 2019 · Nessun Commento

Puoi sostenere i progetti di reinserimento di persone ora detenute destinando il tuo 5 x 1000 alla Cooperativa Coompany, grazie alla quale sono entrato in carcere dove è nato il libro.

→ Nessun CommentoTags: Nessuna categoria

PASSARE OLTRE, ROVESCIARE!

14 Aprile 2019 · Nessun Commento

Domenica delle Palme e degli Ulivi, Settimana Più Santa delle Altre, Pasqua! Un contributo a guardare a fondo nelle scene che la Parola ci offre in questi giorni.

PASQUA: PASSARE OLTRE. ROVESCIARE

Gesù di Nazareth si avvia alla conclusione della propria avventura umana e vuole caricare di ogni possibile significato e messaggio i gesti, le scelte che compie in quelle ultime ore. E’ un ebreo, proviene da una famiglia pia e osservante della Legge, delle Tradizioni, delle Feste, e quando i suoi gli chiedono dove e come voglia celebrare la Pasqua dà indicazioni ben precise. Il racconto ce lo forniscono unanimemente i tre evangeli sinottici, Matteo, Marco e Luca. “Dove vuoi che facciamo i preparativi?”, magari l’idea, la spinta a domandare arrivava dalle donne che sottovoce dicevano già da giorni: “dobbiamo fare la spesa, e le tovaglie devono essere belle e pulite, ma il vino per i brindisi lo scegliete voi uomini, e poi non vorrete mica fare Pasqua con quella tunica lì, con quei vecchi sandali lì!” Quelli si lasciano convincere e chiedono a Gesù dove vuole mangiare la Pasqua come scrive il Vangelo secondo Marco. E Gesù indica con precisione il dove, una sala al primo piano, già arredata - respiro di sollievo delle donne - , quella stessa stanza nella quale gli Atti ci raccontano che si riuniranno dopo l’Ascensione al cielo del Signore i discepoli, gli apostoli e le donne e Maria, e dove avverrà la discesa dello Spirito.

E in quel contesto di festa, di memoria della salvezza, di passaggio oltre dell’angelo della morte che risparmiò le case degli ebrei in Egitto segnate dal sangue dell’agnello, in quella situazione Gesù spiazza tutti, rovescia le logiche, passa oltre alle piccole porticine di casa e spalanca il portone grande e solenne dell’Amore e del Servizio.

Grazie alle parole di fuoco di don Tonino Bello il grembiule è entrato nel lessico di teologi, vaticanisti, esperti della Caritas, Gesù non se lo è inventato. Era un panno di lino che qualche inserviente usava per pulire le mani agli ospiti, durante pranzi di un certo livello, mani unte dopo un po’, visto che le forchette non erano ancora in uso. E Gesù invece di lavare le mani, lava i piedi, parte del corpo ancora più esposta a sporcizia, a contaminazione, a stanchezza. I piedi che segnano i passi della vita. I piedi feriti da inciampi e cadute. Piedi storpiati da scarponi altrui che ci sono passati sopra. Piedi che puzzano.

Papa Francesco ancora una volta andrà a mangiare Pasqua, secondo le scadenze ebraiche, in un carcere, a Velletri. Carcere speciale, visto che la Direttrice, la sua Vice e la comandante della Polizia Penitenziaria sono tutte e tre donne, che segna così una delle trasformazioni in atto con l’arrivo sempre più significativo di donne in ruoli di responsabilità direttiva nell’ambiente sociale tra i più degradati d’Italia, la galera. E laverà i piedi, ancora una volta.
Un asciugamano messo ai fianchi a mo’ di grembiule, col quale asciugare i piedi di persone che nella cultura oggi dilagante dovrebbero marcire in una cella dopo che il portinaio ha gettato via la chiave! Lavare e asciugare i piedi con tenerezza materna a chi ora non cammina più per le strade del mondo esterno, ma in quelle della propria rinascita interiore, facilitata dal silenzio, dal tempo, dalla solitudine. Lavare e asciugare i piedi è come dire: riposati un attimo, riprendi fiato, lascia che la pelle si rinforzi, poi cammina ancora. Lavare e asciugare i piedi è ripetere a ogni uomo e donna detenuti che il Padre dei Cieli non ci impicca al nostro passato, ma vuole che camminiamo ancora, su sentieri nuovi, inattesi.
Donne, piedi, carcere, lavare e asciugare, Papa Francesco: sono le parole chiave che possono rendere feconda e potente la Pasqua che sta per esplodere tra pochi giorni.
A condizione che non sia una delle solite tradizioni cosiddette cristiane da segnare in calendario, ma un evento di fede!

→ Nessun CommentoTags: Nessuna categoria

COME UNA MAMMA CON LA SUA BAMBINA

9 Aprile 2019 · Nessun Commento

Ero in preghiera davanti alla tomba di San Francesco, ad Assisi, sabato scorso, verso le 11. Pensavo, snocciolavo nomi di persone da affidare alla sua intercessione, rivivevo con nostalgia i giorni del mio anno di noviziato vissuto proprio lì. Si siedono vicino a me una mamma con una bimba di 6/7 anni. La mamma prega con lo sguardo fisso e sorridente verso l’altare e la tomba. Dopo un attimo la bambina le prende la mano e anche lei guarda sorridente in sù. La mamma stringe e coccola la mano della bimba. Grazie, sconosciute compagne di preghiera, mi avete silenziosamente detto che anche Dio Padre ci tiene per mano, sorridendo, proprio come una mamma fa con la sua bambina. Grazie.

→ Nessun CommentoTags: Nessuna categoria

OMELIA DELLA V DOMENICA DI QUARESIMA 2019

7 Aprile 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Giovanni 8,1-11
In quel tempo, Gesù si avviò verso il monte degli Ulivi. Ma al mattino si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui. Ed egli sedette e si mise a insegnare loro. Allora gli scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adulterio, la posero in mezzo e gli dissero: “Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?”. Dicevano questo per metterlo alla prova e per avere motivo di accusarlo. Ma Gesù si chinò e si mise a scrivere col dito per terra. Tuttavia, poiché insistevano nell’interrogarlo, si alzò e disse loro: “Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei”. E, chinatosi di nuovo, scriveva per terra. Quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani. Lo lasciarono solo, e la donna era là in mezzo. Allora Gesù si alzò e le disse: “Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?”. Ed ella rispose: “Nessuno, Signore”. E Gesù disse: “Neanch’io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più”.

omelia-v-domenica-quaresima-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA PER VIII° ANNIVERSARIO DI NASCITA DE “IL MANDORLO” A SUSA

1 Aprile 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca 15, 1-3. 11-32
In quel tempo, si avvicinavano a Gesù tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: «Costui accoglie i peccatori e mangia con loro».
Ed egli disse loro questa parabola: «Un uomo aveva due figli. Il più giovane dei due disse al padre: “Padre, dammi la parte di patrimonio che mi spetta”. Ed egli divise tra loro le sue sostanze. Pochi giorni dopo, il figlio più giovane, raccolte tutte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò il suo patrimonio vivendo in modo dissoluto. Quando ebbe speso tutto, sopraggiunse in quel paese una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. Allora andò a mettersi al servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei suoi campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube di cui si nutrivano i porci; ma nessuno gli dava nulla. Allora ritornò in sé e disse: “Quanti salariati di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi alzerò, andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi salariati”. Si alzò e tornò da suo padre.
Quando era ancora lontano, suo padre lo vide, ebbe compassione, gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Il figlio gli disse: “Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio”. Ma il padre disse ai servi: “Presto, portate qui il vestito più bello e fateglielo indossare, mettetegli l’anello al dito e i sandali ai piedi. Prendete il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”. E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò uno dei servi e gli domandò che cosa fosse tutto questo. Quello gli rispose: “Tuo fratello è qui e tuo padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo”. Egli si indignò, e non voleva entrare. Suo padre allora uscì a supplicarlo. Ma egli rispose a suo padre: “Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando, e tu non mi hai mai dato un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che è tornato questo tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso”. Gli rispose il padre: “Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”».

omelia-mandorlo-anniversario-20191

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA IV DOMENICA DI QUARESIMA 2019

30 Marzo 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca 15,1-3.11-32
In quel tempo, si avvicinavano a Gesù tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: «Costui accoglie i peccatori e mangia con loro». Ed egli disse loro questa parabola: «Un uomo aveva due figli. Il più giovane dei due disse al padre: “Padre, dammi la parte di patrimonio che mi spetta”. Ed egli divise tra loro le sue sostanze. Pochi giorni dopo, il figlio più giovane, raccolte tutte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò il suo patrimonio vivendo in modo dissoluto. Quando ebbe speso tutto, sopraggiunse in quel paese una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. Allora andò a mettersi al servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei suoi campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube di cui si nutrivano i porci; ma nessuno gli dava nulla. Allora ritornò in sé e disse: “Quanti salariati di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi alzerò, andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi salariati”. Si alzò e tornò da suo padre. Quando era ancora lontano, suo padre lo vide, ebbe compassione, gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Il figlio gli disse: “Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio”. Ma il padre disse ai servi: “Presto, portate qui il vestito più bello e fateglielo indossare, mettetegli l’anello al dito e i sandali ai piedi. Prendete il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”. E cominciarono a far festa. Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò uno dei servi e gli domandò che cosa fosse tutto questo. Quello gli rispose: “Tuo fratello è qui e tuo padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo”. Egli si indignò, e non voleva entrare. Suo padre allora uscì a supplicarlo. Ma egli rispose a suo padre: “Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando, e tu non mi hai mai dato un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che è tornato questo tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso”. Gli rispose il padre: “Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”».

omelia-iv-domenica-quaresima-20191

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

“Padre nostro che sei in galera”. ORIO CANAVESE

30 Marzo 2019 · Nessun Commento

Cuore pieno di gratitudine, ecco il viaggio di ritorno a notte fonda da Orio Canavese. Presentazione del libro onorata dalla presenza della giovane sindaco, dal viceparroco, dai responsabili della biblioteca e  - ciliegiona sulla torta! - da alcuni studenti di tanti anni fa alla Media Martiri del Martinetto di Torino Barca che avendo saputo dell’incontro sono venuti anche da lontano. GRAZIE! E poi domande, partecipazione, insomma una serata di grande incoraggiamento.
Ancora una volta diciamo che vale la pena mettere in circolo il pensiero.

→ Nessun CommentoTags: AFFARI NOSTRI · LETTURE CHE CI CONSIGLIAMO · Nessuna categoria

“Padre nostro che sei in galera”. A Mondovì.

24 Marzo 2019 · Nessun Commento

Giornata e serata inaspettate e bellissime quelle di ieri, sabato 23 marzo, a Mondovì. Una successione di incontri, panorami, confronti inaspettati e di altissimo livello. La visita della città, l’incontro con le Clarisse a Vicoforte, la presentazione del libro dopo cena nella Biblioteca Parrocchiale del Ferrone. Non può davvero mancare la gratitudine per Sandro Gastaldi che assieme alla Azione Cattolica ci ha accolti e accompagnati. I Fratelli Briganti ringraziano!

→ Nessun CommentoTags: AFFARI NOSTRI · LETTURE CHE CI CONSIGLIAMO · Nessuna categoria · PIAZZETTA DELLE CHIACCHIERE

OMELIA DELLA III DOMENICA DI QUARESIMA 2019

24 Marzo 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca 13,1-9
In quel tempo si presentarono alcuni a riferire a Gesù il fatto di quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva fatto scorrere insieme a quello dei loro sacrifici. Prendendo la parola, Gesù disse loro: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subìto tale sorte? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quelle diciotto persone, sulle quali crollò la torre di Sìloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo». Diceva anche questa parabola: «Un tale aveva piantato un albero di fichi nella sua vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. Allora disse al vignaiolo: “Ecco, sono tre anni che vengo a cercare frutti su quest’albero, ma non ne trovo. Taglialo dunque! Perché deve sfruttare il terreno?”. Ma quello gli rispose: “Padrone, lascialo ancora quest’anno, finché gli avrò zappato attorno e avrò messo il concime. Vedremo se porterà frutti per l’avvenire; se no, lo taglierai”».

omelia-iii-domenica-quaresima-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA II DOMENICA DI QUARESIMA 2019

16 Marzo 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca 9,28b-36
In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giovanni e Giacomo e salì sul monte a pregare. Mentre pregava, il suo volto cambiò d’aspetto e la sua veste divenne candida e sfolgorante. Ed ecco, due uomini conversavano con lui: erano Mosè ed Elia, apparsi nella gloria, e parlavano del suo esodo, che stava per compiersi a Gerusalemme. Pietro e i suoi compagni erano oppressi dal sonno; ma, quando si svegliarono, videro la sua gloria e i due uomini che stavano con lui. Mentre questi si separavano da lui, Pietro disse a Gesù: «Maestro, è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli non sapeva quello che diceva. Mentre parlava così, venne una nube e li coprì con la sua ombra. All’entrare nella nube, ebbero paura. E dalla nube uscì una voce, che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’eletto; ascoltatelo!». Appena la voce cessò, restò Gesù solo. Essi tacquero e in quei giorni non riferirono a nessuno ciò che avevano visto.

omelia-ii-domenica-quaresima-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA I DOMENICA DI QUARESIMA 2019

10 Marzo 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca 4,1-13
In quel tempo, Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ a questa pietra che diventi pane». Gesù gli rispose: «Sta scritto: Non di solo pane vivrà l’uomo». Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un istante tutti i regni della terra e gli disse: «Ti darò tutto questo potere e la loro gloria, perché a me è stata data e io la do a chi voglio. Perciò, se ti prostrerai in adorazione dinanzi a me, tutto sarà tuo». Gesù gli rispose: «Sta scritto: Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto». Lo condusse a Gerusalemme, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù di qui; sta scritto infatti: Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo affinché essi ti custodiscano; e anche: Essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra». Gesù gli rispose: «È stato detto: Non metterai alla prova il Signore Dio tuo». Dopo aver esaurito ogni tentazione, il diavolo si allontanò da lui fino al momento fissato.

omelia-i-domenica-quaresima-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

BREVI OMELIE DURANTE GLI ESERCIZI SPIRITUALI. CAMPOSAMPIERO DAL 4 AL 9 MARZO 2019

7 Marzo 2019 · Nessun Commento

GIOVEDI 7 MARZO
Dal Vangelo secondo Luca 9,22-25
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Il Figlio dell’uomo deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno». Poi, a tutti, diceva: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua. Chi vuole salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà. Infatti, quale vantaggio ha un uomo che guadagna il mondo intero, ma perde o rovina se stesso?».

omelia-giovedi-o7032019

VENERDI 8 MARZO
Dal Vangelo secondo Matteo 9,14-15
In quel tempo, si avvicinarono a Gesù i discepoli di Giovanni e gli dissero: «Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte, mentre i tuoi discepoli non digiunano?». E Gesù disse loro: «Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto, e allora digiuneranno»

omelia-venerdi-08032019

SABATO 9 MARZO
Dal Vangelo secondo Luca 5,27-32
In quel tempo, Gesù vide un pubblicano di nome Levi, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi!». Ed egli, lasciando tutto, si alzò e lo seguì. Poi Levi gli preparò un grande banchetto nella sua casa. C’era una folla numerosa di pubblicani e d’altra gente, che erano con loro a tavola. I farisei e i loro scribi mormoravano e dicevano ai suoi discepoli: «Come mai mangiate e bevete insieme ai pubblicani e ai peccatori?». Gesù rispose loro: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori perché si convertano».

omelia-sabato-09032019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

BREVI OMELIE DURANTE GLI ESERCIZI SPIRITUALI. CAMPOSAMPIERO DAL 4 AL 9 MARZO 2019

5 Marzo 2019 · Nessun Commento

LUNEDI 3 MARZO
Dal Vangelo secondo Marco 10, 17-27
In quel tempo, mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?». Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. Tu conosci i comandamenti: “Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, non frodare, onora tuo padre e tua madre”».
Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». Allora Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!». Ma a queste parole egli si fece scuro in volto e se ne andò rattristato; possedeva infatti molti beni.
Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: «Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio!». I discepoli erano sconcertati dalle sue parole; ma Gesù riprese e disse loro: «Figli, quanto è difficile entrare nel regno di Dio! È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio». Essi, ancora più stupiti, dicevano tra loro: «E chi può essere salvato?». Ma Gesù, guardandoli in faccia, disse: «Impossibile agli uomini, ma non a Dio! Perché tutto è possibile a Dio».
omelia-lunedi-04032019

MARTEDI 5 MARZO
Dal Vangelo secondo Marco 10,28-31
In quel tempo, Pietro prese a dire a Gesù: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». Gesù gli rispose: «In verità io vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per causa mia e per causa del Vangelo, che non riceva già ora, in questo tempo, cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà. Molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi saranno primi».
omelia-martedi-05032019

MERCOLEDI DELLE CENERI - 6 MARZO
Dal Vangelo secondo Matteo 6,1-6.16-18
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: “State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli. Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. E quando pregate, non siate simili agli ipocriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipocriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà”.

omelia-mercoledi-ceneri-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA VIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO 2019

2 Marzo 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca 6,39-45

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola: «Può forse un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutti e due in un fosso? Un discepolo non è più del maestro; ma ognuno, che sia ben preparato, sarà come il suo maestro. Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio? Come puoi dire al tuo fratello: “Fratello, lascia che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio”, mentre tu stesso non vedi la trave che è nel tuo occhio? Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello. Non vi è albero buono che produca un frutto cattivo, né vi è d’altronde albero cattivo che produca un frutto buono. Ogni albero infatti si riconosce dal suo frutto: non si raccolgono fichi dagli spini, né si vendemmia uva da un rovo. L’uomo buono dal buon tesoro del suo cuore trae fuori il bene; l’uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae fuori il male: la sua bocca infatti esprime ciò che dal cuore sovrabbonda».

omelia-viii-domenica-tempo-ordinario-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

PADRE NOSTRO CHE SEI IN GALERA, A SAN GILLIO

25 Febbraio 2019 · Nessun Commento

Nella Biblioteca del Comune di San Gillio, nella cintura torinese, splendida serata di presentazione del libro. Domande, contributi, attenzione. Davvero un bel momento. E poi non posso dimenticare la presenza di due allievi - una allieva - dei miei anni di scuola, grazie! Ancora il pensiero che va in circolo.

→ Nessun CommentoTags: LETTURE CHE CI CONSIGLIAMO · PIAZZETTA DELLE CHIACCHIERE

OMELIA DELLA VII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO 2019

24 Febbraio 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca Lc 6, 27-38
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «A voi che ascoltate, io dico: Amate i vostri nemici, fate del bene a coloro che vi odiano, benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi maltrattano. A chi ti percuote sulla guancia, porgi anche l’altra; a chi ti leva il mantello, non rifiutare la tunica. Dá  a chiunque ti chiede; e a chi prende del tuo, non richiederlo. Ciò che volete gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro. Se amate quelli che vi amano, che merito ne avrete? Anche i peccatori fanno lo stesso. E se fate del bene a coloro che vi fanno del bene, che merito ne avrete? Anche i peccatori fanno lo stesso. E se prestate a coloro da cui sperate ricevere, che merito ne avrete? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto. Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e il vostro premio sarà grande e sarete figli dell’Altissimo; perché egli è benevolo verso gl’ingrati e i malvagi. Siate misericordiosi, come è misericordioso il Padre vostro. Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e vi sarà perdonato; date e vi sarà dato; una buona misura, pigiata, scossa e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con cui misurate, sarà misurato a voi in cambio».

omelia-vii-domenica-tempo-ordinario

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA