fratemobile.net

Il blog di Padre Beppe Giunti, una piazzetta dove trovarsi a chiacchierare della vita

fratemobile.net header image 2

OMELIA XIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

5 Luglio 2009 · 2 Commenti

omelia-domenica-xiv-tempo-ordinario

icon for podpress  Other Media: Download

Tags: GOSPELMEDIA

2 risposte ↓

  • 1 maria // 5 Lug 2009 alle 20:09

    Ascoltando oggi questo brano l’ho sentito come il completamento di quello di domenica scorsa: in quel racconto una donna Lo sfiora con grande fede e guarisce senza che Gesù compia alcun atto di volontà, Lui stesso quasi si stupisce “Chi mi ha toccato?”; oggi è in mezzo a gente che lo “conosce” ma non può fare miracoli perchè non credono in Lui. I suoi concittadini mi sembrano troppo legati alla ragione, devono capire, la donna semplicemente ha fede. Ma ciò che mi colpisce è l’impotenza di Gesù che non può aiutare chi non gli si avvicina con un cuore aperto e disponibile ed è quasi costretto ad aiutare chi invece si fida incondizionatamente di Lui. Auguro a tutti, sempre, questa seconda condizione del cuore. Maria

  • 2 Anna // 6 Lug 2009 alle 23:31

    Il commento di Maria mi ha fatto venire voglia di raccontarvi questa storia (una delle tante!) della mia vita.
    Qualche anno fa è venuto da me in studio un signore già un po’ anziano, vestito da arabo, per dirmi che aveva male ad un ginocchio.
    Mi sono alzata dalla sedia dicendogli “me lo faccia vedere”
    Ha lanciato un urlo: non mi tocchi!
    Era la prima volta in vita mia che mi capitava una cosa così. Avevo incontrato uomini timidi, ma così disperati all’idea di essere sfiorati da me, non mi era ancora successo!
    Gli ho risposto imbarazzata: le guardo solo il ginocchio, glielo prometto.
    Non si è fidato… all’ultimo momento potevo cambiare idea, vedendo un ginocchio gonfio ed arrossato, magari non resistevo alla tentazione di toccarlo!
    Mi sono messa a ridere, non mi sono proprio trattenuta. ” Mi scusi, non capisco.”
    “Ma come non capisce! Per la mia religione lei potrebbe essere impura. Io non posso essere toccato da una donna impura”
    “Impuro sarà lei… come si permette!”
    “No! Io non posso essere impuro, io non ho le mestruazioni”.
    “Neanch’io”.
    Ma la mia parola non gli è bastata ed è stato ben contento di farmi vedere il ginocchio in radiografia.
    Gesù si è lasciato toccare da tutti e ha toccato anche i morti.
    Amore e libertà vanno insieme.
    I suoi compatrioti appesantiti da una mentalità chiusa, condizionata, non sono stati così liberi da poter amare Gesù e riconoscerlo come figlio di Dio,c e viceversa, non sono stati così aperti all’amore da diventare liberi.

Lascia un commento