fratemobile.net

Il blog di Padre Beppe Giunti, una piazzetta dove trovarsi a chiacchierare della vita

fratemobile.net header image 2

UNA GRANDE INFERMIERA

31 Gennaio 2008 · 1 Commento

Se conoscessi tutte le terapie e non ho l’amore, a nulla mi serve.

Se avessi intuito infallibile sui malati, se avessi la scienza del primario, ma non ho l’amore, non sono niente.

Se dessi tutto il mio tempo al reparto, anche i turni di riposo e le ferie, ma non ho l’amore, non farei nulla.

L’Amore è paziente quando i campanelli suonano, i medici sbuffano, i parenti importunano.

L’amore non è geloso: quando l’altro collega è più considerato di te, più atteso e tu non lo sei, quando è nelle grazie dei medici e tu non lo sei.

L’amore non si adira: quando i nervi sono a pezzi, tutto va a rovescio e i malati rispondono male.

L’amore tutto copre: anche l’ingratitudine di un malato.

L’amore tutto spera: anche se nessuo si accorge della tua fatica.

L’amore tutto sopporta: anche il servizi  più ripugnante, o il disprezzo di quelli che ti comandano.

Le corse di un’infermiera avranno fine, ma l’AMORE non avrà mai fine.

Tre cose sono grandi di un’infermiera: la resistenza, la competenza e l’amore.

Ma più grande di ogni cosa è sempre l’amore.

                                                                                                      anonima

Tags: LETTURE CHE CI CONSIGLIAMO

1 risposta ↓

  • 1 antonio // 1 Ott 2008 alle 19:19

    è stupenda…………
    è solo che in corsia non si ha per nulla questa concezione…
    spero che quello scrivi non smetti mai di metterlo in atto, perchè tanto l’AMORE trionferà sulla cattiveria della gente.

Lascia un commento