fratemobile.net

Il blog di Padre Beppe Giunti, una piazzetta dove trovarsi a chiacchierare della vita

fratemobile.net header image 2

UN ALTRO OTTIMISMO E’ POSSIBILE!

1 Dicembre 2008 · 2 Commenti

Dallo splendido libro di Dietrich Bonhoeffer Resistenza e Resa condivido un brano sull’ottimismo, che ci accompagni in questo inizio di Avvento.

“Essere pessimisti è più saggio; si dimenticano le delusioni e non
si viene ridicolizzati davanti a tutti. Perciò presso le persone
sagge l’ottimismo è bandito. L’essenza dell’ottimismo non è
guardare aldilà della situazione presente, ma è una forza vitale,
la forza di sperare quando gli altri si rassegnano, la forza di
tenere alta la testa quando sembra che tutto fallisca, la forza
di sopportare gli insuccessi, una forza che non lascia mai il
futuro agli avversari, ma lo rivendica per sé.Esiste certamente
anche un ottimismo stupido, vile, che deve essere bandito. Ma
nessuno deve disprezzare l’ottimismo inteso come volontà di
futuro, anche quando dovesse condurre cento volte all’errore;
perché esso è la salute della vita, che non deve essere
compromessa da chi è malato. Ci sono uomini che ritengono poco
serio, e cristiani che ritengono poco pio, sperare in un futuro
terreno migliore e prepararsi ad esso. Essi credono che il senso
dei presenti accadimenti sia il caos, il disordine, la catastrofe, e
si sottraggono nella rassegnazione o in una pia fuga dal mondo
alla responsabilità per la continuazione della vita, per la
ricostruzione, per le generazioni future. Può darsi che domani
spunti l’alba dell’ultimo giorno: allora, non prima, noi
interromperemo volentieri il lavoro per un futuro
migliore” (Dietrich Bonhoeffer, Resistenza e Resa, Ed. Paoline1988 pag 72).

Tags: LETTURE CHE CI CONSIGLIAMO · PIAZZETTA DELLE CHIACCHIERE

2 risposte ↓

  • 1 Cristina // 2 Dic 2008 alle 09:30

    bellissimo pensiero, che condivido in pieno. e aggiungo un altro pensiero che si avvicina a questo quanto a volontà di continua ricerca di nuovi orizzonti e di un futuro migliore:
    Pensiero di Dom Helder Camara:
    “QUANDO LA TUA BARCA,
    DA LUNGO TEMPO ORMEGGIATA NEL PORTO,
    RISVEGLIA IN TE LE SEMBIANZE DI UNA CASA;
    QUANDO LA TUA BARCA SI APPRESTA A METTERE RADICI NELL’IMMOBILITA’ DEL MOLO:
    RICERCA L’INFINITO.
    L’ANIMA VIAGGIATRICE DELLA TUA BARCA E LA TUA ANIMA PELLEGRINA DEVONO RESTARE VIVE,
    PER SEMPRE.”

  • 2 Anna Maria // 7 Dic 2008 alle 07:34

    Grazie, Beppe, per aver voluto condividere questo bellissimo brano di Bonhoeffer. Contraccambio con i versi di Don Luisito Bianchi:

    NEL PRATO

    Scruto scritture di foglie sul prato
    come tremanti viscere l’aruspice
    d’altra stagione di funghi verrà
    a liberarmi letizia d’incontri
    con prataioli e chiodini.
    - Sarà
    non sarà -, quali sentenze appannate
    di sibille m’echeggiano a risposta
    mentre frugo con gli occhi le ramate
    foglie e preparo il riso dell’invenzione
    d’un bizzarro baschetto di velluto.
    E sconosciuti sussulti di vita
    stendono velo pietoso sul dubbio,
    nell’aria gonfia di pioggia,
    bastandomi
    pochi passi di prato ad appagare
    in parabola tutto il mio andare.
    25 ottobre 1993

Lascia un commento