fratemobile.net

Il blog di Padre Beppe Giunti, una piazzetta dove trovarsi a chiacchierare della vita

fratemobile.net header image 2

NEBBIA E MAESTRALE

11 Novembre 2008 · 2 Commenti

Per sorridere: ma se soffia il maestrale la nebbia viene spazzata via, arriva dal nord freddo e tempo secco ma ventoso! Ora Carducci nella poesia San Martino tiene invece insieme questi due elementi meteorologici.

La nebbia agli irti colli
Piovigginando sale,
E sotto il maestrale
Urla e biancheggia il mar

Qualche perditempo sa dare una spiegazione?

Buona notte dubbiosa a tutti. Fra Beppe

Tags: PIAZZETTA DELLE CHIACCHIERE

2 risposte ↓

  • 1 Valerio // 12 Nov 2008 alle 11:28

    Se la nebbia sale allora il maestrale è sotto (la nebbia)…quindi il maestrale fa urlare il mar ma non impatta la nebbia…
    Che ne dici di questa interpretazione ?? :)

  • 2 luciano // 14 Nov 2008 alle 14:13

    Carissimi, temo che Beppe sotto sotto tenda sempre qualche trabocchetto.
    Io rispondo, comunque, ma mi sembra fin troppio ovvio.
    La poesia di Carducci “San Martino” descrive situazioni autunnali, con un taglio ovviamente bucolico ovvero proveniente dalla cultura contadina. Con l’arrivo dell’autunno (una volta) il paesaggio si stravolge e nei campi bisogna passare a fare altre attività.
    Comunque nel capoverso le prime due righe vanno separate dalle seconde due. Si tratta di un’overture della poesia che ci introduce nell’ambiente autunnale: la nebbie ricopre i campi e le colline, ma se inizia a piovere l’umidità viene trasportata nel terreno e quindi la nebbia dirada. Qui c’è una virgola ma è quasi una licenza poetica perchè ci vorrebe il punto. IL maestrale autunnale fa increspare notevolmente il mare, che infrangendosi sulle spiagge e sulle scogliere (spumando schiuma bianeggiante) sembra come se gridasse. Il mare ovviamente è sempre quello Toscano, a voi di decidere se è sotto Orbetello o all’altezza della Versilia.

    UN saluto

    Luciano

Lascia un commento