fratemobile.net

Il blog di Padre Beppe Giunti, una piazzetta dove trovarsi a chiacchierare della vita

fratemobile.net header image 2

LE COSE DEL CIELO

2 Novembre 2008 · 1 Commento

“I cristiani dimorano sulla terra, ma sono cittadini del Cielo” (Lettera a Diogneto, V,9), è il messaggio di questa due-giorni liturgica costituita dalla solennità di Ognissanti e dalla ricorrenza dei Defunti. Si accavallano pensieri, nostalgie, fastidi, e anche un certo disagio perché davanti a temi collegati a sorella morte torna in gioco il nucleo centrale della nostra fede: la risurrezione. Questo annuncio di fede dal quale come raggi del sole tutte le dimensioni e le aree della vita cristiana si sviluppano, resta frequentemente offuscato dalla cronaca quotidiana della vita. 

In questa due-giorni invece il cuore e la mente sono portati a concentrarsi su domande, su pensieri e su preghiere radicati in modo diretto e ed esplicito su quel mistero, sulla Sua tomba vuota.

Una cosa che mi scandalizza è il modo con cui i cristiani parlao dei loro defunti. Li chiamano morti; non sono stati capacidi rinnovare il povero vocabolario umano su un punto che tutta via tocca i doni essenziali della fede. Morti! Si va ad assistere a una messa per  i morti! Si va al cimitero a portare fiori ai morti, si prega per i morti! Come se essi non fossero miliardi di volte più vivi di noi! Come se la verità fondamentale annunciata dal Prefazio della Messa dei defunti “vita mutatur, non tollitur”, la vita è cambiata, non è tolta, fosse in se stessa una verità morta, incapace di fecondare e di trasformare il modo comune di concepire e di parlare.
Questo brano è di Jacques Maritain, in una raccolta di riflessioni raccolte e piubblicate da Massimo editore col titolo “Le cose del Cielo, riflessioni sulla vita eterna”. 

Tutti santi, tutti vivi! Sia l’esclamazione e l’imperativo della due-giorni.

fra Beppe

Tags: Nessuna categoria · PIAZZETTA DELLE CHIACCHIERE

1 risposta ↓

  • 1 Roberto // 4 Feb 2010 alle 15:05

    Io credevo che questo testo l’avesse scritto la moglie Raissa Maritain. Ciao. Grazie. (libro Pregare Con)

Lascia un commento