fratemobile.net

Il blog di Padre Beppe Giunti, una piazzetta dove trovarsi a chiacchierare della vita

fratemobile.net header image 2

PREGHIERA DI UN SABATO SERA PELLEGRINO

24 Novembre 2012 · 5 Commenti

Dopo anni, Signore,
di una vita tranquilla, buona e calda,
stasera ti prego in una strada fredda,
in un corridoio di ospedale deserto,
in un cortile sconosciuto,
in una stanza straniera.

Ti benedico, Signore,
sei tu ora la mia casa tranquilla, buona e calda,
la mia vita si è fatta pellegrina,
intessuta di incontri, di ascolto, di treni e di strade,
ma tu, Signore,
mi ripeti come non mai
che vuoi stare al centro del mio cuore,
che vuoi essere la stella polare,
unico riferimento del mio andare.

Alfa e Omega,
prima e ultima lettera,
tu sei tutto l’alfabeto che mi permette
di narrare la vita,
di capire le lingue degli uomini,
di parlare di te ad ognuno.

Alfa e Omega,
non lasciarmi muto del tuo Evangelo,
non lasciarmi sordo alle parole altrui,
non lasciarmi senza Scrittura,
non lasciarmi.

Ricordati di me,
Alfa e Omega,
non mi perdere.

fra Beppe
Primi Vespri della Solennità di Cristo Re dell’universo, Alessandria in Piemonte.

Tags: GOSPELMEDIA · PIAZZETTA DELLE CHIACCHIERE

5 risposte ↓

  • 1 Rosanna // 25 Nov 2012 alle 17:11

    …Una preghiera che sa di mitezza, di buono. Grazie padre Beppe!

  • 2 giusy // 25 Nov 2012 alle 22:47

    Che dire?” bella” non basta, allora diciamo “vera, sentita, condivisibile, da ricordare e da pronunciare in ogni notte del cuore, in ogni tentazione di tristezza”. Grazie fra beppe di averla voluta condividere!

  • 3 Alessandra // 26 Nov 2012 alle 15:45

    Grazie prezioso Fra Beppe per questa perla del cuore che, indegnamente, farò un po’ anche mia. Che il Signore ti benedica e tu possa sentire sempre la sua paterna Presenza nella tua vita.

  • 4 mauro // 26 Nov 2012 alle 16:41

    Grazie Padre Beppe per questa poetica preghiera !
    Nei momenti tristi della vita ci dobbiamo
    ” aggrappare” alla certezza che il Signore
    non ci abbandona mai.

  • 5 marco // 27 Nov 2012 alle 21:12

    andate e predicate………non portate con voi nè sandali, nè bastone, solo portate con voi la parola del Signore. E’ già tutto ciò di cui avete bisogno.
    Ciao Padre Beppe. Grazie per la tua poesia. Un abbraccio.

Lascia un commento