fratemobile.net

Il blog di Padre Beppe Giunti, una piazzetta dove trovarsi a chiacchierare della vita

fratemobile.net header image 2

CIO’ CHE SENTO SIGNORE IN MODO CERTO, E’ CHE TI AMO

16 Dicembre 2011 · 1 Commento

Pensiero per iniziare la novena di Natale, preso dalle Confessioni di Sant’Agostino, 10,6,8.

“Ciò che sento in modo non dubbio, anzi certo, Signore, è che ti amo. Folgorato al cuore da te mediante la tua parola, ti amai, e anche il cielo e la terra e tutte le cose in essi contenute, ecco, da ogni parte mi dicono di amarti… Ma che amo, quando amo te? Non una bellezza corporea, né una grazia temporale, non lo splendore della luce, così caro a questi miei occhi, non le dolci melodie delle cantilene di ogni tono, non la fragranza dei fiori, degli unguenti e degli aromi, non la manna e il miele, non le membra accette agli amplessi della carne. Nulla di tutto ciò amo, quando amo il mio Dio. Eppure amo una sorta di luce e voce e odore e cibo e amplesso nell’amare il mio Dio: la luce, la voce, l’odore, il cibo, l’amplesso dell’uomo interiore che è in me, ove splende alla mia anima una luce non avvolta dallo spazio, ove risuona una voce non travolta dal tempo, ove olezza un profumo non disperso dal vento, ov’è colto un sapore non attenuato dalla voracità, ove si annoda una stretta non interrotta dalla sazietà. Ciò amo, quando amo il mio Dio.”

Tags: LETTURE CHE CI CONSIGLIAMO

1 risposta ↓

  • 1 manu // 17 Dic 2011 alle 19:47

    Mi torna alla mente un tratto di “Almeno cinque” di E.De Luca e G. Matino :
    -I sensi permettono al credente di avvicinarsi alla storia dell’incarnato e consentono di conoscerlo con gli strumenti che sono propri della natura umana, i primi e necessari veicoli di passaggio dal sè al tu e dal tu al sè. (…) “Mio Signore e mio Dio” è anche il grido definitivo di chi ormai ha superato la necessità di toccare per credere, perchè in realtà tocca il cielo senza usare più le mani.-
    Signore,
    per questa mèta la strada è lunga, ma grazie per gli “strumenti di natura umana” che ci doni e per la fratellanza che ci aiuta nel cammino.

Lascia un commento