fratemobile.net

Il blog di Padre Beppe Giunti, una piazzetta dove trovarsi a chiacchierare della vita

fratemobile.net header image 2

UNA CURIOSA COINCIDENZA

7 Settembre 2008 · 2 Commenti

Stamattina a Cagliari Benedetto XVI celebrerà con la Chiesa di Sardegna il ricordo della Madonna di Bonaria, patrona “massima” di tutta l’isola. Quando questo titolo di materna bontà fu come “affibiato” nel 1907 a Maria, era Arcivescovo di Cagliari Monsignor Pietro Balestra, frate minore conventuale, originario della Provincia religiosa di Liguria e Piemonte. Pochi anni prima questo religioso era vescovo ad Acqui, in Piemonte, e fu contattato dal vescovo di Susa, il Beato Monsignor Rosaz, per verificare se l’Ordine dei Padri Conventuali poteva rientrare nell’antichissimo convento di quella città, mentre la chiesa attigua già era stata restaurata. Così la volontà e l’interessamento di quei due vescovi, tanto simili per santità, cultura ed amore a san Francesco, fecero ritornare i frati. Fra le tante intenzioni di preghiera che oggi nella spianata di Bonaria verranno affidate all’intercessione di Maria, una piccola, sommessa la voglio aggiungere anch’io: che si compia oggi come un secolo fa, il progetto di Dio, nei luoghi e nelle persone. Deus ti salvet, Maria! (De André): Vanna, mettici una parola anche tu, dal tuo Cielo, limpido come il cielo di Osilo.

Tags: PIAZZETTA DELLE CHIACCHIERE

2 risposte ↓

  • 1 Maura // 7 Set 2008 alle 17:36

    E’ bello leggere tutto questo…è bello percepire che nonostante sembri già tutto scritto la speranza continua ad essere viva e ad alimentare le nostre giornate. Ti ringrazio di tutto questo caro padre Beppe, perchè mi fai continuare a voler lottare per ciò in cui si crede e mi unisco a te nel chiedere alla cara Vanna di aiutarci dal cielo a rendere questa terra più ricca di segni d’amore!!!!!!!!!

  • 2 "Feynman" Andrea // 14 Set 2008 alle 18:04

    Ma si, dai. Ci aggiunngo anche la mia di preghiera. Povera ma chissà che anche le briciole non abbiano il loro perchè…

    Un abbraccio a te, padre Beppe, e a tutti i lettori e bloggers.
    Andrea

Lascia un commento