fratemobile.net

Il blog di Padre Beppe Giunti, una piazzetta dove trovarsi a chiacchierare della vita

fratemobile.net header image 2

SANTA CHIARA, PIANTICELLA

11 Agosto 2008 · 3 Commenti

Oggi festa solenne di una ragazza luminosa, non per i riflettori e il trucco, ma per la vita, il cuore, la fede. Chiara di Assisi.
Mille spunti per ricordarla, ne scelgo uno allegro, festoso, uno spettacolo per lei, pianticella del giullare, spero che le faccia piacere.

Dopo il successo conseguito nelle innumerevoli rappresentazioni proposte in tutta Italia, torna ad Assisi il musical “Chiara di Dio” completamente dedicato alla figura e alla vita di Santa Chiara. L’appuntamento è per le 21,30 al Teatro Metastasio di Piazzetta Verdi ogni sabato fino al 25 di ottobre e ogni giovedì, venerdì e sabato con riduzione dei tempi. L’opera è messa in scena dalla Compagnia Teatrale di Carlo Tedeschi che si è avvalso delle Fonti Francescane. Il musical aveva debuttato al Lyrick Theatre nel maggio 2004, ottenendo un ampio consenso di pubblico e di critica, in occasione del 750.mo anniversario della morte della Santa. La rappresentazione di questa sera avviene a 50 anni dalla proclamazione di Santa Chiara a patrona della televisione voluta da Pio XII il 14 febbraio 1958, perché la prima discepola di San Francesco, nella notte di Natale del 1252, ebbe la grazia di poter vedere dalla sua cella la celebrazione che si svolgeva in chiesa. Lo spettacolo inizia con Chiara morente che chiede una ciliegia. Lei, abituata ai digiuni, chiede, con una umanità straordinaria, qualcosa per sé. Siamo ad agosto e non è stagione per quel frutto ma la sua consorella torna dal giardino del chiostro con la ciliegia fra le dita. L’opera ripercorre poi gli avvenimenti più toccanti della sua vita: l’incontro con Francesco, la fuga da casa, il taglio dei capelli per la sua consacrazione, lo spettacolare confronto con i Saraceni. Il tutto con semplici e sobrie soluzioni tecniche, scenografiche e di regia nel rispetto dell’assoluta povertà di Chiara e del diritto alla povertà che lei stessa ha supplicato per tutta la vita. Il Teatro Metastasio diventerà una porta aperta sulla via San Francesco. Tutti i giorni, infatti, sarà possibile visitare gratuitamente nelle due sale d’ingresso, la mostra che ripercorre le tappe della vita di Chiara accanto a Francesco, corredata dalle opere di Carlo Tedeschi che è anche pittore. (E. B.)

fra Beppe

Tags: PIAZZETTA DELLE CHIACCHIERE

3 risposte ↓

  • 1 Steve // 11 Ago 2008 alle 11:35

    Veramente un musical bellissimo, ho comprato il DVD di “Chiara di Dio” tempo addietro e ne consiglio la visione a tutti. Vederlo e’ come fare un piccolo campo spirituale, credetemi :)

  • 2 Valerio il romano napoletano // 12 Ago 2008 alle 11:02

    Grazie Beppe delle pillole di cultura, storia e saggezza che ogni giorno condividi con noi (almeno con me comune ignorante:).
    Se non sarà Assisi sicuramente compreremo il dvd!

  • 3 mchiara // 6 Ott 2008 alle 15:57

    Chiara… così uguale e così diversa da Francesco… Chiara che non faceva parlare di se, che non camminava per i paesi a convertire la gente, forse nessuno la conosceva… Francesco che andò dal papa per fare approvare la sua regola e ad un certo punto, quando Chiara era morente il papa che andò da lei… Chiara così santa e così bella, così umile e così splendente, come Francesco che l’accolse… e lei non seguì le impronte di Francesco, ma seguì con Francesco impronte piu’ profonde… perchè ricordate che i santi non vogliono che ci fermiamo a loro… VOGLIONO PORTARCI A DIO…

Lascia un commento