fratemobile.net

Il blog di Padre Beppe Giunti, una piazzetta dove trovarsi a chiacchierare della vita

fratemobile.net header image 2

CARO UOMO DELLA SINDONE

24 Luglio 2010 · Nessun Commento

“Caro uomo della Sindone, tutti quest’anno parlano di te (…). Uomo della Sindone, chi sei? Come è stata la tua vita? Perché ti hanno messo in croce? A queste domande forse nessuno forse potrà darci delle risposte. Sei giunto fortunatamente fino a noi, salvandoti dal fuoco; passi la maggior parte del tempo chiuso in una teca, ma non ti senti solo? E come ti senti quando, ogni dieci anni, migliaia di persone arrivano da lontano per scrutarti, per capire chi sei, per cercare di leggere cosa c’è scritto nel tuo cuore? Non ti sei sentito spiato quando hanno tentato di analizzarti? Spiato nel corpo, spiato nell’animo per cercare di datarti, per cercare di chiarire se sei o non sei Gesù! La fine della tua vita è piena di sofferenza, questa però non è stata sprecata perché ci riporta alla sofferenza di Gesù, ricorda che il Figlio di Dio è sceso in mezzo a noi e sarà sempre con noi per amarci. Non importa sapere, Uomo della Sindone, chi sei, se riesci a trasmetterci questo messaggio d’amore. Vederti significa rassicurarci. Ci ricordi che Dio esiste, anche se non lo vediamo; ci ricordi che solo seguendo l’esempio che Gesù ci ha dato possiamo vivere felici e sereni, ci ricordi chi è il nostro prossimo, ci ricordi che Gesù disse “Lasciate che i bambini vengano a me perché il Regno di Dio appartiene a quelli come loro”. Caro Uomo della Sindone, questo è il messaggio più grande che potevio darci! Aspettaci, verremo a vederti (…)

Condivido questo brano della lettera che gli alunni della VB della scuola elementare di Sangano hanno scritto ed è stata pubblicata sul periodico L’Emanuele, della Associazione FIDES Onlus di Leinì, Torino.

Tags: PIAZZETTA DELLE CHIACCHIERE

0 risposte ↓

  • Non ci sono ancora commenti.

Lascia un commento