fratemobile.net

Il blog di Padre Beppe Giunti, una piazzetta dove trovarsi a chiacchierare della vita

fratemobile.net header image 2

QUARESIMA, CHE SIA BELLA

17 Febbraio 2010 · 3 Commenti

Condivido un testo di Atenagora come indicazione di un cammino quaresimale, per tutti.

f b

“Occorre fare la guerra più dura che è quella contro se stessi, bisogna riuscire a disarmarsi. Ho fatto questa guerra per anni ed è stata terribile, ma adesso sono disarmato; non ho più paura di nulla poiché l’amore caccia il timore. Sono disarmato dalla volontà di avere ragione, di giustificarmi squalificando gli altri. Non sono più in guardia, gelosamente aggrappato alle mie ricchezze. Accolgo e condivido. Non tengo in modo particolare alle mie idee, ai miei progetti. Se me ne vengono presentati dei migliori, o anche non migliori ma buoni, li accetto senza rimpianti. Ho rinunciato al comparativo. Ciò che è buono, reale, vero è sempre il meglio per me. Ecco perché non ho più paura.”

Tags: PIAZZETTA DELLE CHIACCHIERE

3 risposte ↓

  • 1 gigama // 17 Feb 2010 alle 18:20

    forse centra o forse no con la quaresima, ma vorrei che tu mettessi il video o almeno l’audio dell’incontro che si è tenuto al Sermig con Erri De Luca il 26 gennaio che aveva come tema “Il silenzio parla, ascolta, ama”.. è sul sito http://www.unidialogo.sermig.org/ a sinistra cìè un elenco, cliccare su video, poi leggi tutto sotto l’incontro con Erri De Luca. é stato davvero un pomeriggio interessante, semplice ed autentico, una ricerca di senso e di spiritualità che fa bene al cuore e alla testa e alla pancia.
    E poi… farsi sentire quando puoi. Baci

  • 2 una che non sa // 17 Feb 2010 alle 18:47

    come è vero! i vecchi dicevano che il meglio è nemico del bene: abbandonare il comparativo e accettare potrebbe pacificare i nostri cuori.

  • 3 Marta // 17 Feb 2010 alle 21:34

    Un annuncio, un segno e un impegno, possono racchiudere il senso di questo tempo di quaresima che ancora
    una volta ci apprestiamo ad accogliere dalla misericordia di Dio.
    Un annuncio anzitutto: Dio ha scelto di venirci incontro. È lui che ha accorciato la distanza che ci separa da
    lui. È questa la lieta notizia che risuona ancora una volta in questa assemblea.
    Ecco ora il momento favorevole… Dio ha scelto di ristabilire un’alleanza che più volte noi abbiamo infranto. È
    sempre così: tutte le volte che noi uomini infrangiamo la nostra comunione con lui, egli invece di abbandonarci
    stringe con noi un vincolo nuovo e più saldo che nulla potrà mai spezzare. E per fare questo Dio è giunto persino
    a trattare il Figlio da peccato, in nostro favore. Io valgo il dono del Figlio di Dio.
    Un segno: le ceneri. Prendere coscienza della nostra radicale condizione di povertà e di nullità che se
    riconosciuta, accolta e consegnata alla misericordia del Padre può riprendere vita nelle sue mani che ci hanno
    plasmato dal nulla. Dio, con il suo amore, è in grado di trarre vita nuova anche dalle nostre ceneri.
    L’impegno: lasciarsi riconciliare. Non aver timore di confessare la nostra distanza e di intraprendere quel
    cammino che ha inizio dalla testa per concludersi ai piedi del fratello.
    Questo è il mio augurio di cuore per lasciarsi incontrare dall’Amore eterno e fedele di Dio.
    Marta

Lascia un commento