fratemobile.net

Il blog di Padre Beppe Giunti, una piazzetta dove trovarsi a chiacchierare della vita

fratemobile.net header image 2

OMELIA DELLA III DOMENICA DI AVVENTO 2009

13 Dicembre 2009 · 1 Commento

omelia-ii-domenica-avvento_2009

icon for podpress  Other Media: Download

Tags: GOSPELMEDIA

1 risposta ↓

  • 1 Marta // 13 Dic 2009 alle 15:44

    Cosa dobbiamo fare? Questa domanda ce la poniamo anche noi quando ci accorgiamo che il presente non ci basta, che le molte cose che pure facciamo non sono convincenti, quando diventiamo consapevoli che c’è qualcosa da fare.
    Anzitutto rinunciare alla nostra presunta sufficienza e riconoscere la necessità di uscire da noi stessi. Condivisione, giustizia, non violenza
    La conversione non è tanto cambiare mestiere, ma il modo di fare quello che già stai facendo. Il rimando è a vivere in maniera limpida e intensa la nostra vita di tutti i giorni. Non scappiamo dalla vita! Il mondo non ha bisogno di cristiani militanti, ma di cristiani quotidiani. Le risposte di Giovanni hanno la caratteristica comune di toccare il rapporto con il prossimo e non quello con Dio: Il vero criterio di conversione sta perciò nella capacità di capovolgere il proprio atteggiamento nei confronti dell’altro.
    Tutto questo a voler significare che la salvezza è sì dono di Dio, ma che richiede l’impegno personale e responsabile di ognuno. Una salvezza universale, ma anche una salvezza che si inserisce nella normalità della vita do ognuno. Non occorre chissà quale capacità per accedere ad essa. La mia vocazione a seguire il Signore la manifesto nella mia storia quotidiana: la laicità come inserimento nel quotidiano è lo strumento privilegiato dove accogliere e vivere la salvezza. L’unica cosa da fare è essere realmente ciò che siamo diventati con il nostro battesimo: Cristiano, diventa ciò che sei!
    Questo vuole essere il mio augurio di cuore per un Natale, “leggero” e autentico.
    Marta

Lascia un commento