fratemobile.net

Il blog di Padre Beppe Giunti, una piazzetta dove trovarsi a chiacchierare della vita

fratemobile.net header image 2

DUE CHIESE E UN TRAMONTO

28 Febbraio 2008 · 4 Commenti

Nelle nuove foto inserite in fotoalbum compaiono due chiese molto note e un fenomeno astronomico molto noto: Porziuncola, Basilica superiore di san Francesco e un tramonto. Quante cose troppo note ci sfuggono, ci scivolano, non si fissano più nella mente  nel cuore. Ci sono dettagli non usuali nelle tre foto per aiutarci a non abituarci. Qualche albero che fa da quinta, la prospettiva di s. Maria degli Angeli ripresa dalla strada che scende da san Damiano, il sole che gioca a fare un tramonto “africano” mentre invece è italianissimo, anzi nel cuore verde dell’Italia. Tra le tante giornate-mondiali-di-qualchecosa perché non inseriamo la giornata planetaria della meraviglia e dello stupore per le cose usuali?

fra Beppe

Tags: AFFARI NOSTRI · PIAZZETTA DELLE CHIACCHIERE

4 risposte ↓

  • 1 PIETRO SOCCIO // 28 Feb 2008 alle 13:19

    forse Gesù quando diceva “se non tornerete come bambini non entrerete mai” non si riferiva solo all’innocenza, ma anche alla capacità di stupirsi di tutto. Perchè tutto dato e nulla è scontato.

  • 2 Free Soul // 28 Feb 2008 alle 19:22

    Assisi….
    Gia dall’attimo in cui si scandiscono le lettere che compongono quel nome sento un emozione cosi forte….
    Quel tramonto…
    Quelle piccole stradine medievali…
    La PACE che domina in ogni dove….
    La presenza di persone che non sono più in questo mondo…
    Quel panorama
    Quelle tante domande quotidiane che trovano risposta ma nello stesso istante ti creano altre milioni di domande…..

    Assisi….
    sempre nel mio piccolo cuore , nella mia anima e nella mia mente….

    Grazie per il week-end
    Innocenzo Paolo….

  • 3 maria // 28 Feb 2008 alle 23:27

    Ricordi quando ti ho raccontato il finale di “Ratatouille”? Tutto può sorprenderci se abbiamo occhi capaci di vedere e un cuore ancora capace di passione e semplicità. Occhi che vedono le cose come se fossero sempre nuove e un cuore che accoglie tutto come se fosse la prima volta.
    Solo questa capacità, quella di un bambino, quella di Adamo ed Eva il giorno della Creazione, ci porta ad amare veramente, con trasporto, tutto ciò che ci circonda, tutto ciò che facciamo, tutte le persone che incontriamo (anche se qualcuna in modo più intenso e duraturo). Lo sapevano bene Francesco e Chiara che hanno speso la loro vita a sorprendersi, anche l’un l’altra.
    Grazie di sorprenderti e di sorprenderci. Maria

  • 4 daniele // 29 Mag 2008 alle 08:44

    “C’è chi guarda le cose come sono e chiede: perché? Io sogno cose mai esistite e chiedo: perché no?” (RFK)

Lascia un commento