fratemobile.net

Il blog di Padre Beppe Giunti, una piazzetta dove trovarsi a chiacchierare della vita

fratemobile.net header image 1

OMELIA DELLA XX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO 2019

18 Agosto 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca 12,49-53
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto! Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».

omelia-xx-domenica-tempo-ordinario-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA ASSUNTA 2019

15 Agosto 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca 1,39-56
In quei giorni, Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto». Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: “Benedetta tu fra le donne, e
benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento delle parole del Signore”. Allora Maria disse: «L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l’umiltà della sua serva. D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente e Santo è il suo nome; di generazione in generazione la sua misericordia per quelli che lo temono. Ha spiegato la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote. Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva detto ai nostri padri, per Abramo e la sua discendenza, per sempre». Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.

omelia-assunta-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA XIX DOMENICA DEL TEMO ORDINARIO 2019

11 Agosto 2019 · Nessun Commento

alla lettera agli Ebrei 11,1-2.8-19
[Fratelli, la fede è fondamento di ciò che si spera e prova di ciò che non si vede. Per questa fede i nostri antenati sono stati approvati da Dio. Per fede, Abramo, chiamato da Dio, obbedì partendo per un luogo che doveva ricevere in eredità, e partì senza sapere dove andava. Per fede, egli soggiornò nella terra promessa come in una regione straniera, abitando sotto le tende, come anche Isacco e Giacobbe, coeredi della medesima promessa. Egli aspettava infatti la città dalle salde fondamenta, il cui architetto e costruttore è Dio stesso. Per fede, anche Sara, sebbene fuori dell’età, ricevette la possibilità di diventare madre, perché ritenne degno di fede colui che glielo aveva promesso. Per questo da un uomo solo, e inoltre già segnato dalla morte, nacque una discendenza numerosa come le stelle del cielo e come la sabbia che si trova lungo la spiaggia del mare e non si può contare.] Nella fede morirono tutti costoro, senza aver ottenuto i beni promessi, ma li videro e li salutarono solo da lontano, dichiarando di essere stranieri e pellegrini sulla terra. Chi parla così, mostra di essere alla ricerca di una patria. Se avessero pensato a quella da cui erano usciti, avrebbero avuto la possibilità di ritornarvi; ora invece essi aspirano a una patria migliore, cioè a quella celeste. Per questo Dio non si vergogna di essere chiamato loro Dio. Ha preparato infatti per loro una città. Per fede, Abramo, messo alla prova, offrì Isacco, e proprio lui, che aveva ricevuto le promesse, offrì il suo unigenito figlio, del quale era stato detto: Mediante Isacco avrai una tua discendenza. Egli pensava infatti che Dio è capace di far risorgere anche dai morti: per questo lo riebbe anche come simbolo.

Dal Vangelo secondo Luca 12,32-48
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non temere, piccolo gregge, perché al Padre vostro è piaciuto dare a voi il Regno. Vendete ciò che possedete e datelo in elemosina; fatevi borse che non invecchiano, un tesoro sicuro nei cieli, dove ladro non arriva e tarlo non consuma. Perché, dov’è il vostro tesoro, là sarà anche il vostro cuore. Siate pronti, con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese; siate simili a quelli che aspettano il loro padrone quando torna dalle nozze, in modo che, quando arriva e bussa, gli aprano subito. Beati quei servi che il padrone al suo ritorno troverà ancora svegli; in verità io vi dico, si stringerà le vesti ai fianchi, li farà mettere a tavola e passerà a servirli. E se, giungendo nel mezzo della notte o prima dell’alba, li troverà così, beati loro! Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo». Allora Pietro disse: «Signore, questa parabola la dici per noi o anche per tutti?». Il Signore rispose: «Chi è dunque l’amministratore fidato e prudente, che il padrone metterà a capo della sua servitù per dare la razione di cibo a tempo debito? Beato quel servo che il padrone, arrivando, troverà ad agire così. Davvero io vi dico che lo metterà a capo di tutti i suoi averi. Ma se quel servo dicesse in cuor suo: “Il mio padrone tarda a venire” e cominciasse a percuotere i servi e le serve, a mangiare, a bere e a ubriacarsi, il padrone di quel servo arriverà un giorno in cui non se l’aspetta e a un’ora che non sa, lo punirà severamente e gli infliggerà la sorte che meritano gli infedeli. Il servo che, conoscendo la volontà del padrone, non avrà disposto o agito secondo la sua volontà, riceverà molte percosse; quello invece che, non conoscendola, avrà fatto cose meritevoli di percosse, ne riceverà poche. A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più».

omelia-xix-domenica-tempo-ordinario-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA XVIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO 2019

7 Agosto 2019 · Nessun Commento

omelia-xviii-domenica-tempo-ordinario-20191

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA XVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO 2019

28 Luglio 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca 11,1-13
Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli». Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite: Padre, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno; dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano, e perdona a noi i nostri peccati, anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore, e non abbandonarci alla tentazione». Poi disse loro: «Se uno di voi ha un amico e a mezzanotte va da lui a dirgli: “Amico, prestami tre pani, perché è giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da offrirgli”, e se quello dall’interno gli risponde: “Non m’importunare, la porta è già chiusa, io e i miei bambini siamo a letto, non posso alzarmi per darti i pani”, vi dico che, anche se non si alzerà a darglieli perché è suo amico, almeno per la sua invadenza si alzerà a dargliene quanti gliene occorrono. Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto. Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pesce, gli darà una serpe al posto del pesce? O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione? Se voi dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro del cielo darà lo Spirito Santo a quelli che glielo chiedono!».

omelia-domenica-xvii-tempo-ordinario-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA XVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO 2019

21 Luglio 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca 10,38-42
In quel tempo, mentre erano in cammino, entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò. Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi. Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».

omelia-xvi-domenica-tempo-ordinario-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

IL CORAGGIO DELLA VERITA’ E DELL’AMORE

15 Luglio 2019 · Nessun Commento

Voglio dare spazio e visibilità alla Lettera che numerose comunità contemplative femminili hanno sottoscritto e inviato al Presidente della Repubblica e al Presidente del Consiglio. Coraggio e amore che mi auguro tocchino il cuore. Fra Beppe

lettera-aperta-migranti

icon for podpress  Ebook: Download

→ Nessun CommentoTags: LETTURE CHE CI CONSIGLIAMO

OMELIA DELLA XV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO 2019. CHAMPORCHER CON BAMBINI

14 Luglio 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca 10,25-37
In quel tempo, un dottore della Legge si alzò per mettere alla prova Gesù e chiese: «Maestro, che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?». Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Come leggi?». Costui rispose: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente, e il tuo prossimo come te stesso».Gli disse: «Hai risposto bene; fa’ questo e vivrai». Ma quello, volendo giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è mio prossimo?». Gesù riprese: «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico e cadde nelle mani dei briganti, che gli portarono via tutto, lo percossero a sangue e se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e, quando lo vide, passò oltre. Anche un levita, giunto in quel luogo, vide e passò oltre. Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto, vide e ne ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi lo caricò sulla sua cavalcatura, lo portò in un albergo e si prese cura di lui. Il giorno seguente, tirò fuori due denari e li diede all’albergatore, dicendo: “Abbi cura di lui; ciò che spenderai in più, te lo pagherò al mio ritorno”. Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?». Quello rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va’ e anche tu fa’ così».

omelia-xv-domenica-tempo-ordinario-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA XIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. CHAMPORCHER

7 Luglio 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca 10,1-12 .17-20
In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra. Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”. Ma quando entrerete in una città e non vi accoglieranno, uscite sulle sue piazze e dite: “Anche la polvere della vostra città, che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scuotiamo contro di voi; sappiate però che il regno di Dio è vicino”.

omelia-xiv-domenica-tempo-ordinario

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA XIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO 2019

30 Giugno 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca 9,51-62
Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme e mandò messaggeri davanti a sé. Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per preparargli l’ingresso. Ma essi non vollero riceverlo, perché era chiaramente in cammino verso Gerusalemme. Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?». Si voltò e li rimproverò. E si misero in cammino verso un altro villaggio. Mentre camminavano per la strada, un tale gli disse: «Ti seguirò dovunque tu vada». E Gesù gli rispose: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo». A un altro disse: «Seguimi». E costui rispose: «Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». Gli replicò: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno di Dio». Un altro disse: «Ti seguirò, Signore; prima però lascia che io mi congedi da quelli di casa mia». Ma Gesù gli rispose: «Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro è adatto per il regno di Dio».

omelia-xiii-domenica-tempo-ordinario1

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DEL CORPUS DOMINI 2019

23 Giugno 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca 9,11b-17
In quel tempo, Gesù prese a parlare alle folle del regno di Dio e a guarire quanti avevano bisogno di cure. Il giorno cominciava a declinare e i Dodici gli si avvicinarono dicendo: “Congeda la folla, perché vada nei villaggi e nelle campagne dei dintorno per alloggiare e trovare cibo: qui siamo in una zona deserta”. Gesù disse loro: “Voi stessi date loro da mangiare”. Ma essi risposero: “Non abbiamo che cinque pani e due pesci, a meno che non andiamo noi a comprare viveri per tutta questa gente”. C’erano infatti circa cinquemila uomini. Egli disse ai suoi discepoli: “Fateli sedere a gruppi di cinquanta circa”. Fecero così e li fecero sedere tutti quanti. Allora egli prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò su di essi la benedizione,
li spezzò e li dava ai discepoli perché li distribuissero alla folla. Tutti mangiarono a sazietà e furono portati via i pezzi loro avanzati: dodici ceste.

omelia-corpus-domini-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA SANTISSIMA TRINITA’ 2019

15 Giugno 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Giovanni 16, 12-15

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.
Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future.
Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

omelia-trinita-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA PENTECOSTE 2019. CHAMPORCHER CON BATTESIMO

9 Giugno 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Giovanni 14,15-16.23b-26
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: “Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; e anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio. Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà”.

omelia-pentecoste-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

EMOZIONE. SORPRESA. GRATITUDINE

5 Giugno 2019 · Nessun Commento

Ieri sera alle 18 presentazione del libro Padre nostro che sei in galera alla Società di Letture e Conversazioni Scientifiche, a Palazzo Ducale di Genova. Non so da chi cominciare per gratitudine: la direttrice di Marassi Maria Milano? O Mimmo Schinaia e sua moglie? Le ragazze della Coompany Francesca ed Emanuela? O i Fratelli Briganti che sono in realtà i fornitori del materiale prezioso e autentico di questa pubblicazione e delle discussioni che suscita? Beh, grazie a tutti.

→ Nessun CommentoTags: Nessuna categoria

OMELIA DELLA SOLENNITA’ DELL’ASCENSIONE. 2019. RITIRO A PETIT ROSIER SULLA PERFETTA LETIZIA

2 Giugno 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Luca 24,46-53
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni. Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto». Poi li condusse fuori verso Betània e, alzate le mani, li benedisse. Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo. Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia e stavano sempre nel tempio lodando Dio.

omelia-ascensione-20191

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA VI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO 2019

26 Maggio 2019 · Nessun Commento

Dagli Atti degli Apostoli, 15, 1s; 22-29

In quei giorni, alcuni, venuti dalla Giudea, insegnavano ai fratelli: «Se non vi fate circoncidere secondo l’usanza di Mosè, non potete essere salvati».
Poiché Paolo e Bàrnaba dissentivano e discutevano animatamente contro costoro, fu stabilito che Paolo e Bàrnaba e alcuni altri di loro salissero a Gerusalemme dagli apostoli e dagli anziani per tale questione.
Agli apostoli e agli anziani, con tutta la Chiesa, parve bene allora di scegliere alcuni di loro e di inviarli ad Antiòchia insieme a Paolo e Bàrnaba: Giuda, chiamato Barsabba, e Sila, uomini di grande autorità tra i fratelli. E inviarono tramite loro questo scritto: «Gli apostoli e gli anziani, vostri fratelli, ai fratelli di Antiòchia, di Siria e di Cilìcia, che provengono dai pagani, salute! Abbiamo saputo che alcuni di noi, ai quali non avevamo dato nessun incarico, sono venuti a turbarvi con discorsi che hanno sconvolto i vostri animi. Ci è parso bene perciò, tutti d’accordo, di scegliere alcune persone e inviarle a voi insieme ai nostri carissimi Bàrnaba e Paolo, uomini che hanno rischiato la loro vita per il nome del nostro Signore Gesù Cristo. Abbiamo dunque mandato Giuda e Sila, che vi riferiranno anch’essi, a voce, queste stesse cose. È parso bene, infatti, allo Spirito Santo e a noi, di non imporvi altro obbligo al di fuori di queste cose necessarie: astenersi dalle carni offerte agl’idoli, dal sangue, dagli animali soffocati e dalle unioni illegittime. Farete cosa buona a stare lontani da queste cose. State bene!».

Dal libro dell’Apocalisse di san Giovanni apostolo 21, 10-14; 22s

L’angelo mi trasportò in spirito su di un monte grande e alto, e mi mostrò la città santa, Gerusalemme, che scende dal cielo, da Dio, risplendente della gloria di Dio. Il suo splendore è simile a quello di una gemma preziosissima, come pietra di diaspro cristallino.
È cinta da grandi e alte mura con dodici porte: sopra queste porte stanno dodici angeli e nomi scritti, i nomi delle dodici tribù dei figli d’Israele. A oriente tre porte, a settentrione tre porte, a mezzogiorno tre porte e a occidente tre porte.
Le mura della città poggiano su dodici basamenti, sopra i quali sono i dodici nomi dei dodici apostoli dell’Agnello.
In essa non vidi alcun tempio:
il Signore Dio, l’Onnipotente, e l’Agnello
sono il suo tempio.
La città non ha bisogno della luce del sole,
né della luce della luna:
la gloria di Dio la illumina
e la sua lampada è l’Agnello.

Dal Vangelo secondo Giovanni 14, 23-29

In quel tempo, Gesù disse [ai suoi discepoli]:
«Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.
Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto.
Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore.
Avete udito che vi ho detto: “Vado e tornerò da voi”. Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l’ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate».

omelia-vi-domenica-tempo-pasquale-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA V DOMENICA DEL TEMPO PASQUALE 2019

18 Maggio 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Giovanni 13, 31-35

Quando Giuda fu uscito [dal cenacolo], Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito.
Figlioli, ancora per poco sono con voi. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri.
Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri».

omelia-v-domenica-tempo-pasquale-20191

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

LA SICUREZZA SECONDO GESU’. OMELIA DELLA IV DOMENICA DEL TEMPO DI PASQUA 2019

12 Maggio 2019 · Nessun Commento

Dio onnipotente e misericordioso,
guidaci al possesso della gioia eterna,
perché l’umile gregge dei tuoi fedeli
giunga con sicurezza accanto a te,
dove lo ha preceduto il Cristo, suo pastore.

Vangelo secondo Giovanni 10, 27-30
In quel tempo, Gesù disse: «Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono.
Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano.
Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola».

omelia-iv-domenica-tempo-pasquale-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

VENERDI CUPRAMONTANA, SABATO BINARIA A TORINO

12 Maggio 2019 · Nessun Commento

Due appuntamenti lontani kilometri, ma vicinissimi per cuore, curiosità, pensiero in circolo. Grazie Antonio Mancini, che restituisce alla società con gesti spontanei e cordiali un po’ di bene, di solidarietà, di civiltà. Grazie a Mecu, don Ricca, e a Domenico Arena per la loro prestigiosa presenza, per la competenza, per l’umanità. Grazie.

→ Nessun CommentoTags: LETTURE CHE CI CONSIGLIAMO · PIAZZETTA DELLE CHIACCHIERE

DAVVERO UNA SERATA SPECIALE. A TORTONA

4 Maggio 2019 · Nessun Commento

E’ stata una presentazione del libro Padre nostro che sei in galera diversa dal solito quella che ieri sera si è  svolta a Tortona, nel salone della conferenze del Seminario. Gente in piedi, un gruppo di studenti del Liceo locale, la cooperativa Coompany: insomma una platea molto ma molto tosta! Grazie, ancora una volta abbiamo messo i n circolo il pensiero!

→ Nessun CommentoTags: LETTURE CHE CI CONSIGLIAMO · PIAZZETTA DELLE CHIACCHIERE

OMELIA DELLA III DOMENICA DI PASQUA 2019

4 Maggio 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Giovanni  21,1-19

Dopo questi fatti, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberìade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Dìdimo, Natanaele di Cana di Galilea, i figli di Zebedeo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: «Io vado a pescare». Gli dissero: «Veniamo anche noi con te». Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla.

Quando già era l’alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora egli disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: «È il Signore!». Simon Pietro, appena udì che era il Signore, si strinse la veste attorno ai fianchi, perché era svestito, e si gettò in mare. Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: non erano infatti lontani da terra se non un centinaio di metri.

Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane. Disse loro Gesù: «Portate un po’ del pesce che avete preso ora». Allora Simon Pietro salì nella barca e trasse a terra la rete piena di centocinquantatré grossi pesci. E benché fossero tanti, la rete non si squarciò. Gesù disse loro: «Venite a mangiare». E nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», perché sapevano bene che era il Signore. Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro, e così pure il pesce. Era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risorto dai morti.

Quand’ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci i miei agnelli». Gli disse di nuovo, per la seconda volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pascola le mie pecore». Gli disse per la terza volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse: «Mi vuoi bene?», e gli disse: «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecore. In verità, in verità io ti dico: quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi». Questo disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E, detto questo, aggiunse: «Seguimi».

omelia-iii-domenica-pasqua-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DELLA II DOMENICA DI PASQUA 2019

29 Aprile 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Giovanni 20,19-31

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore.
Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».
Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».
Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

omelia-ii-domenica-pasqua-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

SENZA MEMORIA NON SI CRESCE. SENZA RADICI UN ALBERO MUORE

24 Aprile 2019 · Nessun Commento

DALLA CRONACA DEL CONVENTO DI SUSA, DICEMBRE 1944/APRILE 1945

• “25 dicembre 1944. I Tedeschi occupano il nostro salone-museo (attuale Cappella,) e i loro

Cappellani Protestanti approntano l’occorrente per celebrare la Nascita del Signore.

Gennaio 1945. Il Comando di Resistenza Partigiano operante in Valle, guidato dal Comandante

Aldo Laghi (Giulio Bolaffi di Torino) chiede di installarsi in convento, che pare un luogo abbastanza

sicuro. Occupano alcune stanze già usate per il Noviziato. Il Comandante Laghi, di religione ebraica,

degnissima persona, in taluni momenti per meglio mimetizzarsi indossa la nostra tonaca: molto

affabile. Tutti ci rendiamo conto dei gravi rischi che corriamo…

Primavera 1945. Alcuni chierici professi - i più affidabili - sono molto impegnati nell’attività di

segreteria del Comando Partigiano. Si stampano col ciclostile (nottetempo) comunicati alla

popolazione, volantini, proclami. L’entusiasmo creato dal desiderio di libertà è esaltante e talora ci

rende alquanto temerari.

25 aprile 1945. Dopo alcuni giorni quasi nebbiosi, segnati da una leggera e insistente pioggerella,

oggi è il trionfo di sole primaverile: anche la natura canta la LIBERAZIONE. Il convento partecipa

all’esaltazione collettiva con il suono a distesa delle campane. Il nostro contadino Basilio Zarpellon,

con un coraggio superiore alle sue forze, issa il tricolore sulla cuspide del campanile. P. Carlo

Cavallero, 30 anni e P. Romolo Ravaschio, 28 anni, con il Comandante Laghi sfilano per le vie di

Susa seguiti da una fiumana di partigiani scesi dalle montagne.

E la città scopre con sorpresa, il ruolo svolto dal convento nella vicenda della liberazione.”

→ Nessun CommentoTags: Nessuna categoria

LA CIVILTA’ CATTOLICA. RECENSIONE DEL LIBRO “PADRE NOSTRO CHE SEI IN GALERA”

22 Aprile 2019 · Nessun Commento

https://www.laciviltacattolica.it/articolo/padre-nostro-che-sei-in-galera/

Buona lettura!

→ Nessun CommentoTags: LETTURE CHE CI CONSIGLIAMO

OMELIA DELLA DOMENICA DI PASQUA. 2019

21 Aprile 2019 · Nessun Commento

Vangelo Lc 24,13-35

Ed ecco, in quello stesso giorno, [ il primo della setti­mana, ] due [ dei discepoli ] erano in cammino per un villaggio di nome Èmmaus, distante circa undici chilo­metri da Gerusalemme, e conversavano tra loro di tutto quello che era accaduto. Mentre conversavano e discutevano insieme, Gesù in persona si avvicinò e camminava con loro. Ma i loro occhi erano impediti a riconoscerlo.

Ed egli disse loro: «Che cosa sono questi discorsi che state facendo tra voi lungo il cammino?». Si fermarono, col volto triste; uno di loro, di nome Clèopa, gli ri­spose: «Solo tu sei forestiero a Gerusalemme! Non sai ciò che vi è accaduto in questi giorni?». Domandò loro: «Che cosa?». Gli risposero: «Ciò che riguarda Gesù, il Nazareno, che fu profeta potente in opere e in pa­role, davanti a Dio e a tutto il popolo; come i capi dei sacerdoti e le nostre autorità lo hanno consegnato per farlo condannare a morte e lo hanno crocifisso. Noi speravamo che egli fosse colui che avrebbe liberato Israele; con tutto ciò, sono passati tre giorni da quando queste cose sono accadute. Ma alcune donne, delle nostre, ci hanno sconvolti; si sono recate al mattino alla tomba e, non avendo trovato il suo corpo, sono venute a dirci di aver avuto anche una visione di angeli, i quali affermano che egli è vivo. Alcuni dei nostri sono andati alla tomba e hanno trovato come avevano detto le donne, ma lui non l’hanno visto».

Disse loro: «Stolti e lenti di cuore a credere in tutto ciò che hanno detto i profeti! Non bisognava che il Cristo patisse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?». E, cominciando da Mosè e da tutti i profeti, spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui.
Quando furono vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano. Ma essi insistettero: «Resta con noi, perché si fa sera e il giorno è ormai al tramonto». Egli entrò per rimanere con loro.

Quando fu a tavola con loro, prese il pane, recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma egli sparì dalla loro vista. Ed essi dissero l’un l’altro: «Non ardeva forse in noi il nostro cuore mentre egli conversava con noi lungo la via, quando ci spiegava le Scritture?».
Partirono senza indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, i quali dicevano: «Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone!». Ed essi narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l’avevano riconosciuto nello spezzare il pane.

omelia-pasqua-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

OMELIA DEL GIOVEDI SANTO 2019

18 Aprile 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Giovanni 13,1-15
Prima della festa di Pasqua, Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine. Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradirlo, Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, si alzò da tavola, depose le vesti, prese un asciugamano e se lo cinse attorno alla vita. Poi versò dell’acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l’asciugamano di cui si era cinto. Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: «Signore, tu lavi i piedi a me?». Rispose Gesù: «Quello che io faccio, tu ora non lo capisci; lo capirai dopo». Gli disse Pietro: «Tu non mi laverai i piedi in eterno!». Gli rispose Gesù: «Se non ti laverò, non avrai parte con me». Gli disse Simon Pietro: «Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mani e il capo!». Soggiunse Gesù: «Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto puro; e voi siete puri, ma non tutti». Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: «Non tutti siete puri». Quando ebbe lavato loro i piedi, riprese le sue vesti, sedette di nuovo e disse loro: «Capite quello che ho fatto per voi? Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi».

omelia-giovedi-santo-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA

CINQUEPERMILLE!

15 Aprile 2019 · Nessun Commento

Puoi sostenere i progetti di reinserimento di persone ora detenute destinando il tuo 5 x 1000 alla Cooperativa Coompany, grazie alla quale sono entrato in carcere dove è nato il libro.

→ Nessun CommentoTags: Nessuna categoria

PASSARE OLTRE, ROVESCIARE!

14 Aprile 2019 · Nessun Commento

Domenica delle Palme e degli Ulivi, Settimana Più Santa delle Altre, Pasqua! Un contributo a guardare a fondo nelle scene che la Parola ci offre in questi giorni.

PASQUA: PASSARE OLTRE. ROVESCIARE

Gesù di Nazareth si avvia alla conclusione della propria avventura umana e vuole caricare di ogni possibile significato e messaggio i gesti, le scelte che compie in quelle ultime ore. E’ un ebreo, proviene da una famiglia pia e osservante della Legge, delle Tradizioni, delle Feste, e quando i suoi gli chiedono dove e come voglia celebrare la Pasqua dà indicazioni ben precise. Il racconto ce lo forniscono unanimemente i tre evangeli sinottici, Matteo, Marco e Luca. “Dove vuoi che facciamo i preparativi?”, magari l’idea, la spinta a domandare arrivava dalle donne che sottovoce dicevano già da giorni: “dobbiamo fare la spesa, e le tovaglie devono essere belle e pulite, ma il vino per i brindisi lo scegliete voi uomini, e poi non vorrete mica fare Pasqua con quella tunica lì, con quei vecchi sandali lì!” Quelli si lasciano convincere e chiedono a Gesù dove vuole mangiare la Pasqua come scrive il Vangelo secondo Marco. E Gesù indica con precisione il dove, una sala al primo piano, già arredata - respiro di sollievo delle donne - , quella stessa stanza nella quale gli Atti ci raccontano che si riuniranno dopo l’Ascensione al cielo del Signore i discepoli, gli apostoli e le donne e Maria, e dove avverrà la discesa dello Spirito.

E in quel contesto di festa, di memoria della salvezza, di passaggio oltre dell’angelo della morte che risparmiò le case degli ebrei in Egitto segnate dal sangue dell’agnello, in quella situazione Gesù spiazza tutti, rovescia le logiche, passa oltre alle piccole porticine di casa e spalanca il portone grande e solenne dell’Amore e del Servizio.

Grazie alle parole di fuoco di don Tonino Bello il grembiule è entrato nel lessico di teologi, vaticanisti, esperti della Caritas, Gesù non se lo è inventato. Era un panno di lino che qualche inserviente usava per pulire le mani agli ospiti, durante pranzi di un certo livello, mani unte dopo un po’, visto che le forchette non erano ancora in uso. E Gesù invece di lavare le mani, lava i piedi, parte del corpo ancora più esposta a sporcizia, a contaminazione, a stanchezza. I piedi che segnano i passi della vita. I piedi feriti da inciampi e cadute. Piedi storpiati da scarponi altrui che ci sono passati sopra. Piedi che puzzano.

Papa Francesco ancora una volta andrà a mangiare Pasqua, secondo le scadenze ebraiche, in un carcere, a Velletri. Carcere speciale, visto che la Direttrice, la sua Vice e la comandante della Polizia Penitenziaria sono tutte e tre donne, che segna così una delle trasformazioni in atto con l’arrivo sempre più significativo di donne in ruoli di responsabilità direttiva nell’ambiente sociale tra i più degradati d’Italia, la galera. E laverà i piedi, ancora una volta.
Un asciugamano messo ai fianchi a mo’ di grembiule, col quale asciugare i piedi di persone che nella cultura oggi dilagante dovrebbero marcire in una cella dopo che il portinaio ha gettato via la chiave! Lavare e asciugare i piedi con tenerezza materna a chi ora non cammina più per le strade del mondo esterno, ma in quelle della propria rinascita interiore, facilitata dal silenzio, dal tempo, dalla solitudine. Lavare e asciugare i piedi è come dire: riposati un attimo, riprendi fiato, lascia che la pelle si rinforzi, poi cammina ancora. Lavare e asciugare i piedi è ripetere a ogni uomo e donna detenuti che il Padre dei Cieli non ci impicca al nostro passato, ma vuole che camminiamo ancora, su sentieri nuovi, inattesi.
Donne, piedi, carcere, lavare e asciugare, Papa Francesco: sono le parole chiave che possono rendere feconda e potente la Pasqua che sta per esplodere tra pochi giorni.
A condizione che non sia una delle solite tradizioni cosiddette cristiane da segnare in calendario, ma un evento di fede!

→ Nessun CommentoTags: Nessuna categoria

COME UNA MAMMA CON LA SUA BAMBINA

9 Aprile 2019 · Nessun Commento

Ero in preghiera davanti alla tomba di San Francesco, ad Assisi, sabato scorso, verso le 11. Pensavo, snocciolavo nomi di persone da affidare alla sua intercessione, rivivevo con nostalgia i giorni del mio anno di noviziato vissuto proprio lì. Si siedono vicino a me una mamma con una bimba di 6/7 anni. La mamma prega con lo sguardo fisso e sorridente verso l’altare e la tomba. Dopo un attimo la bambina le prende la mano e anche lei guarda sorridente in sù. La mamma stringe e coccola la mano della bimba. Grazie, sconosciute compagne di preghiera, mi avete silenziosamente detto che anche Dio Padre ci tiene per mano, sorridendo, proprio come una mamma fa con la sua bambina. Grazie.

→ Nessun CommentoTags: Nessuna categoria

OMELIA DELLA V DOMENICA DI QUARESIMA 2019

7 Aprile 2019 · Nessun Commento

Dal Vangelo secondo Giovanni 8,1-11
In quel tempo, Gesù si avviò verso il monte degli Ulivi. Ma al mattino si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui. Ed egli sedette e si mise a insegnare loro. Allora gli scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adulterio, la posero in mezzo e gli dissero: “Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?”. Dicevano questo per metterlo alla prova e per avere motivo di accusarlo. Ma Gesù si chinò e si mise a scrivere col dito per terra. Tuttavia, poiché insistevano nell’interrogarlo, si alzò e disse loro: “Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei”. E, chinatosi di nuovo, scriveva per terra. Quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani. Lo lasciarono solo, e la donna era là in mezzo. Allora Gesù si alzò e le disse: “Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?”. Ed ella rispose: “Nessuno, Signore”. E Gesù disse: “Neanch’io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più”.

omelia-v-domenica-quaresima-2019

 
icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download

→ Nessun CommentoTags: GOSPELMEDIA